Pubblicato il

Che bello caffe modugno

Trio di caffè di strada (Barile, Di Modugno, Di Monte)

A beneficio di chi (ancora!) non sa fare un caffè a regola d’arte, secondo la tradizione napoletana, piace ricordare alcuni passaggi fondamentali per preparare un ottimo caffè con la moka, la caffettiera italiana per eccellenza. A tal fine, sono state “codificate” cinque regole, contraddistinte dai primi cinque del nostro alfabeto.

A come Acqua – Chi dice che l’elemento chiave di un buon caffè è l’acqua non sbaglia di certo: l’acqua è uno dei due ingredienti insieme alla polvere di caffè della bevanda più diffusa al mondo. Quella napoletana proviene dalle sorgenti cristalline del Serino, sulle montagne dell’Irpinia, già conosciute, apprezzate e bevute ai tempi degli antichi romani, ancora oggi tra le migliori per caratteristiche organolettiche e di purezza. L’acqua utilizzata deve, insomma, essere fresca e povera di calcare.

C come Cupolina – C’è chi sostiene che la polvere di caffè debba essere “pressata” all’interno del filtro, mentre chi pratica tre fori nella polvere. La tradizione napoletana suggerisce di versare la polvere di caffè in modo da formare una piccola cupola che, ai napoletani lontani dalla loro città, ricorda nostalgicamente il Vesuvio, soprattutto se si utilizza un caffè made in Naples, cioè di una delle tante torrefazioni napoletane, dal tipico gusto forte e deciso.

Ninna nanna

Proprietari estremamente gentili, molto disponibili e cordiali. Ci sono venuti a prendere dall’aeroporto a tarda sera. Situato in posizione centrale a Modugno, a pochi passi da bar, ristoranti, negozi, ecc. Abbiamo potuto fare colazione nella pasticceria di fronte (inclusa nel prezzo della camera) e abbiamo preso uno dei cappuccini con cornetto più deliziosi di sempre!

Denny, il padrone di casa, si è preso cura di noi. Sempre disponibile e super amichevole. La casa era assolutamente pulita e confortevole, la posizione e i dintorni incantevoli. Servizio di pulizia giornaliero e caffè aromatico a colazione. Modugno è un posto incredibile, bello e tranquillo ma con molto da vedere.

Situata a Modugno e con il Teatro Margherita raggiungibile in 6,2 km, la Dimora Elizabeth offre un ristorante, camere non fumatori, la connessione WiFi gratuita in tutta la struttura e un bar. La struttura dista circa 6,2 km dalla Cattedrale di Bari, 6,4 km dalla stazione ferroviaria centrale di Bari e 6,9 km dalla Basilica di San Nicola. La struttura fornisce il trasporto aeroportuale e un servizio di noleggio biciclette.

Olympia (rimasterizzato)

Il caffè, dunque, uno dei protagonisti del cuore pulsante della Nostra Città e dell’aroma di sentimento che si respira passeggiando per le strade proprio come cantava il grande Modugno in “O caffè” del 1959″ Ah! c’a ddore ‘e ccafe’ Ca se sente pe “è città”! Chi, dunque, meglio di Antonio e Lella, abitanti dei quartieri spagnoli e da sempre nel mondo dei caffè, può raccontarci cosa significa vivere nei vicoli e quanto sia importante il caffè per il popolo napoletano.

Antonio) Non ho avuto un’infanzia semplice perché sono nato in un periodo difficile, proprio nel dopoguerra e ho avuto la sfortuna di perdere mia madre quando ero ancora un bambino. Per questi motivi ho cambiato spesso casa passando da piazzetta Cariati a Fuorigrotta, poi a Gennaro Serra fino a stabilirmi in Vico Lungo Concordia nei Quartieri Spagnoli. Mia moglie, invece, è di Fuorigrotta (zona Sant’Antonio) e quando ci siamo sposati ci siamo trasferiti in vico Sergente Maggiore, nel cuore dei quartieri spagnoli. Era la fine degli anni Settanta.

Meraviglioso

Pierpaolo ModugnoSono un chimico di Bari, Italia. Ho conseguito una laurea e un master in Chimica presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. Sono particolarmente interessato alla catalisi e alle sue implicazioni nella riduzione delle emissioni di CO2, nonché alla scienza dei materiali. Infatti, in passato ho lavorato sulla catalisi eterogenea per la sintesi del biodiesel e sullo sviluppo di transistor organici per la sensoristica.

Sono molto orgoglioso di far parte del progetto Green Carbon perché mi darà la possibilità di acquisire esperienza e know-how nel campo della chimica ecologica e delle tecnologie di riduzione del carbonio.